Facebook fa causa società spagnola per la vendita di “mi piace” su Instagram

Facebook ha presentato la denuncia perché ritiene che la società ha progettato i bot per eludere le restrizioni di Instagram contro le falsità e lo ha fatto per profitto.

Inoltre, ha continuato a farlo anche se Facebook gli ha inviato una lettera chiedendo la cessazione e il ritiro, e anche dopo aver disattivato gli account in app.

affermazione
In una dichiarazione, Facebook ha considerato che questa causa a Madrid è in aggiunta a un’altra causa intentata in California contro un’altra società e che entrambi assumono “una delle prime volte una società di social media utilizza coordinato, contenzioso multi-giurisdizione per far rispettare i suoi termini e proteggere i suoi utenti.”

La causa in un tribunale di San Francisco è contro Mohammad , che lo accusa di aver creato con la sua azienda Massroot8 un sistema con bot per rimuovere i dati degli utenti, dopo aver preso in consegna le loro password attraverso un falso dell’applicazione ufficiale.

Secondo diversi elenchi di società consultate da Efe, MGP25 Cyberint Services è una società per azioni fondata il 12 settembre 2019, con sede legale in via Ciudad de Aguilas nel distretto moratalaz di Madrid.

L’attività dell’azienda è quella di scambiare computer, apparecchiature periferiche e software per la vendita all’ingrosso.

Nella newsletter ufficiale del Registro Commerciale del 1 ottobre si figura che è stato costituito con un capitale sociale di 3.000 euro e che l’unico amministratore è Sagrario Almagro Sànchez-Serrano.

Facebook ha indicato che la causa a Madrid è stata diretta alla società MGP25 e il suo “fondatore” (fondatore o fondatore). Efe